Sbiancamento Dentale: meglio affidarsi agli specialisti

Novembre 8, 2017 by Angelo Lambiase
Sbiancamento-denti-dentista-aosta-saint-pierre-estetica-2_2_2_sbiancamento-professionale.jpg

Lo sbiancamento dei denti è una procedura di odontoiatria estetica che vive una fase di grande richiesta. E che, nell’ultimo lustro, ha avuto il merito di rendere meno difficile l’approccio col dentista. Una procedura che avviene dopo che i denti si macchiano e ingialliscono a causa del consumo dello smalto e dell’azione colorante del fumo e dei cibi (caffè, tè, vino rosso, bevande gassate, succhi di frutta scuri, mirtilli, more, aceto balsamico e pomodoro).

Lo sbiancamento dentale è una procedura odontoiatrica che permette di migliorare il colore dei denti, rendendoli più bianchi. A questo primo tipo di sbiancamento, cosiddetto “cosmetico”, si affiancano altri tipi di sbiancamenti utili per risolvere discromie dentali, anche severe, dovute a patologie sistemiche (per esempio la fluorosi, disordini ematici, etc) oppure agli esiti di terapie con alcuni tipi di antibiotici (ad esempio, le tetracicline). I prodotti che vengono utilizzati a tal fine contengono principalmente perossido di idrogeno e perossido di carbammide, impiegati in varie concentrazioni a seconda della tecnica che si intende utilizzare e delle esigenze del paziente.

Lo sbiancamento funziona grazie alla liberazione di ossigeno da parte del perossido di idrogeno o di carbammide nel momento in cui viene posto a contatto con i denti. Queste molecole di ossigeno vanno a disgregare le molecole dei pigmenti responsabili della discromia, e dunque rendendole non più visibili.

Lo sbiancamento dentale agisce solo sui denti naturali, non agisce su corone protesiche, otturazioni o qualsiasi altro materiale da restauro presente nel cavo orale. Dopo il trattamento sbiancante, eventuali corone protesiche od otturazioni potranno essere maggiormente visibili in quanto non più adeguate al nuovo colore raggiunto dai denti naturali. In tal caso potranno essere sostituite con altre dello stesso colore dei denti sbiancati.

MEGLIO EVITARE IL FAI-DA-TE

Il monito è giunto all’ultimo congresso dell’Accademia Italiana di Odontoiatria, Conservativa e Restaurativa (Aic), durante il quale sono stati presentati i dati di uno studio che ha evidenziato come oltre la metà dei pazienti intervistati fosse insoddisfatta del colore dei propri denti. Un dato che spiega cosa ci sia alla base di questo boom di procedure di sbiancamento, il cui costo oscilla tra 250 e 300 euro: con valori in costante crescita del 15 per cento ogni anno.

EFFETTI COLLATERALI? PRATICAMENTE NULLI

Lo sbiancamento dentale professionale attualmente è una pratica ultra-sicura per i pazienti, che non altera o rovina lo smalto dei denti e inoltre permette una predicibilità di risultato molto elevata. Perché avvenga tutto ciò ovviamente è necessaria una visita accurata da parte del dentista e l’uso di prodotti certificati. Nonostante ciò, i possibili effetti collaterali che si possono presentare sono ipersensibilità dentinale e lievi ustioni chimiche delle gengive. L’effetto collaterale più comune è l’ipersensibilità dei denti soprattutto agli stimoli termici freddi. Tale sensibilità, che può essere più o meno lieve, è assolutamente reversibile nel giro di poche ore oppure, in pochissimi casi, nel giro di qualche giorno.

Un altro comune effetto è quello di percepire sui denti delle “scossette”, estremamente brevi. Un blando analgesico è d’aiuto in questi casi qualora non si voglia sopportare tale piccolo inconveniente, normale e che si risolve entro mezza giornata circa.

La sensibilità dovuta allo sbiancamento dentale può essere attenuata con l’applicazione topica di fluoro o di nitrato di potassio (i principi attivi dei desensibilizzanti che possono essere forniti dal dentista), utilizzando dentifrici desensibilizzanti ed evitando di assumere:

  • cibi troppo caldi o troppo freddi;
  • cibi o bevande ipertoniche (per esempio bibite molto zuccherate);
  • cibi o bevande eccessivamente acidi (bibite gasate, succhi di frutta, yogurt ecc).

Può verificarsi anche una temporanea infiammazione delle gengive dovuta al contatto con l’agente sbiancante (ustione chimica). La sensazione che si può provare è simile al bruciore e le zone interessate possono anche apparire biancastre. La cosa non deve assolutamente preoccupare, si risolverà spontaneamente in poche ore.

Un altro effetto collaterale, che si può verificare quasi esclusivamente nei denti devitalizzati, è il riassorbimento radicolare. Questa evenienza è molto rara, soprattutto se la tecnica di sbiancamento viene eseguita correttamente.

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA PRESSO IL NOSTRO STUDIO PER UNO SBIANCAMENTO DENTALE





Contattaci ora

Studio Lambiase Nocera Inferiore


Siamo pronti ad offrirti il miglior servizio per la tua igiene orale


Contatti telefonici

081 5174211



Urgenze

346 1039 516
347 4745 164



Convenzioni

Siamo convenzionati con


  • Pronto-care (Generali)

  • UniSalute

  • Findomestic

Seguici

Social Network


Interagisci con noi tramite i social network. Siamo presenti su:



© Copyright 2019 | P.IVA: 05529500653
Sito realizzato da www.digitalanima.com

logo studio lambiase